Cittadinanza aziendale

In Freudenberg, la cittadinanza d'impresa è da sempre parte integrante della leadership aziendale e viene messa in pratica sia all’interno che all’esterno dell'azienda. Lo scopo del Gruppo è quello di affermarsi come cittadino d'impresa responsabile in tutti gli stati, i paesi e le comunità in cui conduce le proprie attività e poter essere considerato un buon vicino. Per Freudenberg, la cittadinanza d'impresa va oltre la catena del valore, con diverse centinaia di progetti avviati in tutte le sedi.

  • Per rafforzare la sua cittadinanza d'impresa, Freudenberg ha lanciato nel 2015 il programma "e²" (education and environment, ovvero educazione e ambiente). L'obiettivo è quello di assicurare alle persone l'accesso a opportunità educative e formative e di promuovere la tutela dell'ambiente. e² mira a completare iniziative già esistenti basate su un gruppo di criteri specifici. Nel corso di un periodo di 6 anni, Freudenberg metterà a disposizione fondi per un totale di 12 milioni di €.
  • Nell'ambito di un'iniziativa a livello aziendale, il gruppo Freudenberg sovvenziona numerosi progetti per l'integrazione di rifugiati con una somma in donazione di 2,6 milioni di euro. Fino alla fine del 2016 l'azienda aveva promosso più di 70 diverse iniziative in Germania e nelle regioni interessate dalla crisi, supportando soprattutto bambini e adolescenti nonché insegnando lingue. Per consentire ai rifugiati di entrare nel mercato del lavoro, Freudenberg mette e disposizione circa 15 posti di formazione. I rimanenti mezzi finanziari vengono utilizzati esclusivamente per questo scopo.

I seguenti due esempi illustrano la natura a lungo termine dei progetti a livello locale:

  • Dal 2009, Freudenberg offre ai giovani la possibilità di completare un percorso formativo duale (cioè di studio e pratica in azienda) per diventare tecnici saldatori, idraulici, elettricisti, motoristi od operatori macchina qualificati presso un centro formativo no-profit a Nagapattinam, nello stato indiano del Tamil Nadu a sud di Chennai. Dalla fondazione del centro a oggi, sono quasi 400 i ragazzi che hanno potuto avviare con successo una carriera. La regione di Nagapattinam, con una popolazione composta principalmente da lavoratori agricoli a basso reddito e da pescatori, è stata duramente colpita dallo tsunami del 2004.
  • Grazie all'aiuto di Freudenberg, nel 2009 è stata ricostruita e aperta una scuola elementare ad Haijin, un villaggio nella provincia del Sichuan, in Cina, colpito dal terremoto a maggio del 2008. I dipendenti di Freudenberg visitano la scuola ogni anno e organizzano varie attività come corsi estivi, lezioni di sostegno e una festa in occasione del Natale. Nel 2016 è stata inoltre inaugurata una nuova sala multifunzionale.

Tutti i progetti sono dedicati in particolare a bambini e giovani e alla loro integrazione sociale, linguistica, formativa e professionale.